sabato 28 maggio 2016

Review : Sapone nero "Nerolissìa" made in Italy by Arangara



Ciao a tutti

In una delle mie prime review sul blog, vi parlai dell'hammam e del guanto kessa facendo degli accenni al sapone nero marocchino.


Oggi, voglio parlarvi in modo più dettagliato di questo incredibile sapone, in particolar modo del sapone nero di Arangara, azienda agricola calabrese creatrice di una preziosa linea di cosmetici bio italiani, arricchiti con puri oli essenziali derivanti dagli agrumi come : bergamotti, arance, limoni, mandarini, e altri estratti vegetali come l'olivo coltivati  dalla stessa azienda . 








La storia di Arangara è una storia di famiglia che ha radici profonde nella tradizione della terra e nella sua coltivazione senza l’uso di pesticidi e nel completo rispetto dell’ambiente e della biodiversità.


Ogni prodotto di Arangara  è sviluppato per il trattamento del corpo e per il piacere dei sensi.
L’espressione pura del talento della natura per un'esperienza di bellezza multi-sensoriale che avvolge e coinvolge i cinque sensi, da vivere in completo relax; una cosmesi attiva e naturale a base di prodotti vegetali biologici certificati.


Il sapone nero di Arangara rispecchia la filosofia di quest’azienda : “L’arte del Fare, con Amore. “


E chi meglio di Vanity Space poteva collaborare con essa?





La storia del Sapone Nero è davvero molto interessante perché il rituale di preparazione segue i tempi delle lavorazioni contadine; un rituale che segue il ciclo della natura tra storia, tradizione e innovazione.


Innanzitutto sono necessari  almeno 10 mesi di attenzioni particolari per ottenere una pasta cremosa, dal colore scuro con riflessi ambrati e dal riconoscibile profumo di oliva.

In seguito nel periodo primaverile, tra marzo e aprile, si inizia con la potatura degli agrumi dalla quale si ottiene una preziosa cenere per preparare la lisciva naturale; ingrediente indispensabile per ottenere questo sapone rispettando la tradizione.

Ottobre, secondo gli esperti di Arangara è il periodo dell’Oro Nero per la pasta di olive nere mature prodotte da 20 maestosi ulivi secolari Geracese di Calabria.

Infine, Novembre è il mese della produzione di questo sapone che sarà pronto soltanto a Gennaio dopo una stagionatura di circa un mese.


A questo proposito, vi consiglio di leggere l’articolo di Vanity Space  che ci spiega in modo dettagliato la storia e la tradizione di questo incredibile sapone.


Il sapone nero di Arangara è detto anche “Nerolissìa”, e come avrete ben capito, non è un semplice sapone, ma un prodotto cosmetico con molteplici funzioni che lo rendono ideale per il gommage di viso e corpo:

Funzione idratante 
è molto delicato ed emolliente, ricco di glicerina e di sali minerali (fosforo, potassio, magnesio, ferro, manganese). Idrata e addolcisce la pelle, dilatando i pori e permettendo una pulizia profonda della pelle. È ideale nel trattamento di bellezza non solo per la pelle ma anche per i capelli; grazie agli acidi antiossidanti ha notevoli proprietà nutritive e vitalizzanti aiutando la produzione di collagene ed elastina. 
  
Funzione antibatterica:  
grazie alla presenza di sali di sodio che possiedono proprietà antimicotiche elevate. L’olio d’oliva non irrita ed esercita un benefico effetto protettivo sulla pelle. 

Funzione antinvecchiamento: grazie alla elevata presenza di vitamina E, caroteni e acido linoleico. 

Funzione antiossidante: grazie alla presenza di fenoli contenuti nell’olio d’oliva.
 
L’INCI di Nerolissìa rispecchia la tradizione ed è composto da principi attivi quali: olio d'oliva da morchia bio,  acqua di vegetazione di pasta di olive nere molto mature bio e liscivia (una soluzione alcalina che dona al prodotto un PH molto basico che aiuta ad ammorbidire lo strato cheratinizzato dell'epidermide).

 Nello specifico, gli ingredienti di cui è composto sono:

  

(INCI) Olea Europaea fruit oli (Olive oil)(*)(1), Olea Europaea fruit exstract(*)(2), Aqua(2) (Water), Eucalyptus globulus leaf oil(*), Potassium hydroxide(3), sodium hydroxide(3), Limonene(**).
* ingredienti provenienti dalle coltivazioni biologiche certificate dell’azienda agricola Arangara.
**allergeni naturalmente presenti negli oli essenziali.
(a) Olio di oliva da morchia biologico ottenuto dalla pulizia degli otri prima dell’introduzione dell’olio nuovo.
(b) Acqua di vegetazione dalla macerazione di pasta di olive nere mature ottenuta dalla macinatura delle drupe (polpa e nocciolo) macerata in acqua distillata (usualmente acqua piovana) e successivamente filtrata.
(c) Liscivia ottenuta dalla macerazione in acqua distillata e bollitura di ceneri di olivo, agrumi e alloro.





Modalità di applicazione: 


Il rituale di bellezza con Nerolissìa prevede innanzitutto che la pelle sia ben ammorbidita con il vapore di un bagno caldo o di una doccia calda, in modo da favorire la dilatazione dei pori.


Nerolissìa dovrà essere prelevato in piccole quantità e amalgamato per bene sulle mani prima di procedere con l’applicazione sul corpo o sul viso massaggiando dolcemente. 


È molto importante rispettare i tempi di posa per evitare qualche spiacevole inconveniente; se utilizzato sulla pelle del corpo, infatti, bisogna lasciarlo agire minimo dai 3 ai 5 minuti a seconda del tipo di pelle. Se invece, si utilizza sul viso, è consigliato applicarlo sulla zona T (naso, mento e fronte) non più di 2 minuti.  


Durante questo tempo di posa, il sapone nero “aggancia” naturalmente (grazie al suo PH basico) il grasso cutaneo e le impurità che occludono i pori e  ammorbidisce la pelle preparandola all’esfoliazione e all’assorbimento dei principi nutritivi contenuti nel sapone stesso.


In seguito,  si rimuoverà il sapone nero con un guanto esfoliante/stimolante come il kessa per potenziare l’effetto purificante, attraverso ampi massaggi circolari (sul viso non è necessario utilizzare questo tipo di guanto) .  


Una volta rimosso il sapone e terminata l’azione esfoliante, si deve sciacquare abbondantemente la pelle con acqua tiepida e tamponarla senza strofinare.


Terminato questo rituale, la tradizione vuole che si idrati la pelle con l’olio d’argan.


È consigliato fare questo trattamento ogni 3-4 settimane per liberare la pelle dalle cellule morte e dalle impurità.


La mia prima esperienza con questo sapone è stata sorprendente: pelle liscia, morbida, purificata e luminosa.


L’ho applicato sia sul corpo che sul viso rispettando i tempi di posa. Durante la fase dell’esfoliazione del corpo, aiutata con il kessa, ho potuto costatare il modo in cui questo sapone aggancia naturalmente le impurità e le cellule morte della pelle rilasciando i cosiddetti “pirulini” ovvero i pallini di pelle morta.


La scelta di Nerolissìa è adatta a chi come me ama dedicare parte del proprio tempo alla cura della propria igiene e bellezza personale coccolandosi con prodotti naturali, privi di additivi chimici e multifunzionali.  


Il trattamento con Nerolissìa è un vero proprio rituale di bellezza che dona benessere al corpo e alla mente attraverso un’esperienza sensoriale che coinvolge oltre al tatto anche l’olfatto. 


Leggi anche :



Sapone Nero Marocchino e Kessa di Vanity Space  


Fonti :


Arangara

Nessun commento:

Posta un commento