venerdì 15 luglio 2016

Review : Acqua di Rose Dr Taffi

Ciao ragazze,
oggi vi parlo di un'acqua di bellezza che mi piace moltissimo : l'acqua di rose.
 

Essa da sempre è conosciuta per essere l’elisir di giovinezza grazie ai numerosi benefici che regalano questi fiori meravigliosi.  

In seguito vi parlerò di un’ottima acqua di rose naturale che ha studiato per noi  il Dr. Taffi .


« La rosa è il profumo degli dei,
la gioia degli uomini,
orna le grazie
dell'amore che sboccia,
è il fiore prediletto di Afrodite. »

(Anacreonte, Ode 53, versi 4-8)



La rosa è un fiore stupendo e senza dubbio è il mio preferito perché racchiude in sé storie e tradizioni antichissime e significati spesso ambivalenti di cui approfitto di parlarvene in questo articolo.

Secondo la superstizione popolare, molto diffusa soprattutto nel Medioevo, era il fiore che le streghe preferivano, in quanto ritenuto particolarmente idoneo a provocare il male, forse a causa della presenza sul suo stelo di molte spine; ma nel frattempo, era pure il fiore prediletto dalle fate, che se ne servivano spesso per recare felicità e benessere alle persone buone. In questa circostanza, così come in molte altre, la rosa sa concentrare significati in netto contrasto tra di loro, come odio e amore. 



La rosa è stata da sempre considerata il simbolo di completezza: rappresenta, infatti, la profondità del mistero della vita, la bellezza, la grazia, la felicità, ma anche la voluttà, la passione ed è perciò, spesso associato alla seduzione.

È il fiore associato alle divinità femminili portatrici di amore, vita, creazione, bellezza, purezza e verginità; tuttavia, la sua rapidità nell’appassire simboleggia la morte e la sofferenza, e le sue spine evocano, invece, il sangue ed il martirio.



Nel mondo egiziano le rose erano fiori sacri alla divinità Iside, poiché rappresentavano l’amore puro del tutto liberato dall’aspetto carnale.


Nella cultura greca, secondo Anacreonte le rose sono profumo per gli Dei e gioia per gli uomini. Presso gli antichi Greci, la rosa è il simbolo della gioia, della bellezza, dell’amore e del desiderio; era anche il simbolo della Dea Afrodite, e veniva coltivata nei giardini funerari come ornamento di tombe, per garantire al defunto il raggiungimento dell’immortalità nell’altra vita.


Anche presso gli antichi Romani la rosa rivestì una notevole importanza; si riteneva che la rosa fosse dotata di poteri magici e che fosse alla base di ogni processo di rigenerazione che riguardava l’essere umano.

Nell’antichità, i dottori usavano l’acqua della rosa per trattare problemi dei nervi, inalazioni di incenso di rosa per trattare pazienti che soffrivano di problemi ai polmoni e davano estratti di petali di rosa a pazienti che soffrivano di problemi di cuore e di reni.


In seguito, si poté constatare che i petali di rosa contenevano  vitamina C, carotene, vitamine del gruppo B , vitamina K, calcio, potassio e iodio.


Per queste ragioni è stato possibile capire che l’acqua di rose racchiude in sé una delicata ed inebriante essenza e i più antichi ed efficaci segreti di salute e bellezza. Essa infatti, veniva utilizzata in India e nei paesi arabi come rimedio base per ringiovanire la pelle, per i riti religiosi e anche nella preparazione dei cibi. 


Si iniziò a raccomandare sin dall’antichità di raccogliere i petali di rosa la mattina presto quando l’aria era pura ed umida, meglio ancora dopo che aveva piovuto o con rugiada abbondante. Le rose sbocciate, ma non appassite erano adatte per la raccolta dei petali. Una volta raccolti, i petali di rosa dovevano essere immediatamente asciugati o usati per il trattamento senza lavarli per conservare gli elementi curativi. In questo modo potevano essere usati per fare estratti, decotti e acqua di rose. 

Tutto ciò fa della rosa una “medicina” perfetta per combattere le malattie della pelle. I petali di rosa freschi aiutano infatti, a curare ferite, scottature e alleviare  i pruriti di origine allergica. Per tali motivo questo processo di raccolta avviene anche ai nostri giorni.

Esistono 150 specie di rose suddivise in numerose varietà originarie dell'Europa e dell'Asia. Le specie presenti in Italia sono più di 30 e le principali sono : la Rosa Canina (la più comune), la Rosa Gallica (poco comune nelle brughiere e luoghi sassosi), la Rosa Glauca (frequente sulle Alpi), la Rosa Pendulina (comune sulle Alpi e l'Appennino settentrionale) e la Rosa Sempervirens.



Ma ora vediamo l’acqua di rose che ha studiato Dr. Taffi. 


L’acqua di rose del Dr. Taffi è un’ acqua di rose naturale, ottenuta per distillazione in correnti di vapore, costituita dalla  preziosa Rosa Centifolia e dalla Rosa Damascena, la regina delle rose dal profumo inconfondibile. È 100% biologica e naturalmente profumata.


Può essere utilizzata come tonico grazie all’effetto idratante, coadiuvante anti-age, astringente e decongestionante.

INCI: ROSA CENTIFOLIA FLOWER WATER, ROSA DAMASCENA FLOWER WATER*, POTASSIUM SORBATE, SODIUM BENZOATE , AQUA (WATER), CITRIC ACID. *100% da agricoltura biologica/organic


La rosa centifolia è originaria della Persia e cresce fino a raggiungere un’altezza di 2,5 metri producendo una profusione di fiori con grandi petali . Dall’essicazione di questi si ricava l' olio essenziale.



Benefici della rosa centifolia: antidepressivo, antiflogistico, antisettico, antispasmodico, antivirale, afrodisiaco, astringente, battericida, coleretico, cicatrizzante, depurativo, emmenagogo, emostatico, epatico, lassativo, regolatore dell’appetito, sedativo (nervoso), stomachico, tonico (cardiaco, epatico, stomachico e uterino).


Per quanto riguarda la rosa damascena, se ricordate ve ne avevo già parlato nell’articolo sulla maschera viso preparata con ghassoul di Tea Natura e petali di rosa damascena de Le erbe di Janas. 


Benefici della rosa damascena : idratante, dona elasticità e tonicità alla pelle, eccellente su tutti i tipi di pelle, antiage, antinfiammatorio, vasocostrittore, rinfrescante, antidepressivo, afrodisiaco. 

L’acqua di rose del Dr.Taffi era una limited edition creata appositamente per le ragazze del gruppo Vanity Space e ha avuto un enorme successo! L’entusiasmo di noi vanityne scalmanate ha consentito e  spronato  il Dr. Taffi a riprodurla e metterla in vendita di nuovo.  

Inizialmente l’acqua di rose è stata proposta in due versioni : nella versione pura e con fragranza.

Da amante del profumo di rosa ho scelto quella con fragranza e sono rimasta entusiasta non solo per il profumo puro e delicato di rosa ma anche per le sue funzioni.

A distanza di mesi posso esprimere  la mia opinione riguardo i suoi benefici.

È un'acqua :
  • Idratante: indicata per tutti i tipi di pelle specialmente in caso di pelle secca o sensibile ma anche le pelli miste/grasse come la mia ne traggono giovamento. Non essendo comedogena aiuta a contrastare l’insorgenza di imperfezioni quali punti neri e brufoli.
  • Rassodante tonificante : la pelle è subito più liscia, morbida e luminosa.
  • Anti-age: combatte le rughe e previene l’insorgenza di esse.
  • Contrasta le infiammazioni della pelle : azione purificante e astringente.
  • Antinfiammatoria e lenitiva: contro arrossamenti e couperose.
  • Decongestionante e rinfrescante : è ideale conservarla in frigorifero per ottenere una sensazione piacevolmente refrigerante e defaticante per uno sguardo più riposato e vivace. Riduce i segni della stanchezza di una lunga giornata. Se usate l’acqua di rose la mattina, per esempio, vedrete notevolmente ridotte le borse sotto gli occhi.
  • Inoltre, il suo elevato contenuto di Vitamina C è perfetto per sintetizzare il collagene e proteggerci dai radicali liberi che provocano l’invecchiamento.
Dr Taffi ha saputo perfettamente racchiudere l'inebriante e magica essenza della rosa insieme alla storia e alle tradizioni in questa  meravigliosa acqua dai molteplici benefici e con una fragranza pura e delicata tutta da scoprire!


Formato : 200 ml 

Prezzo : 12,90

Spero con questa review di essere stata utile e vi ripropongo la lettura dell’articolo "Idrolati: acque di bellezza naturali" per chi  ancora non l’avesse letta.

A presto!

Nessun commento:

Posta un commento